back to » Fattoria Didattica

Expo 2015 MILANO

Milano Expo 2015 Milano Expo 2015
Lunedì, 10 Luglio 2017 08:56
(0 Voti)
Scritto da 

Presentazione dell'Azienda Marco Asara durante la giornata dedicata ai modelli innovativi Imprese Coldiretti Sardegna

Nello stand della Coldiretti presentate scoperte scientifiche e invenzioni geniali

di Pasquale Porcu - La Nuova ed. Olbia

MILANO. Pavimenti e pareti fatti con bucce di pomodoro, carciofi, birra, grano e perfino deiezioni di bovino. Hanno colori accattivanti, sono impermeabili e sono soprattutto bio. È una delle idee innovative presentate ieri pomeriggio dalla Coldiretti Sardegna nel proprio stand all'interno di Expo, alla presenza del presidente nazionale di Coldiretti, Roberto Moncalvo. Il pavimento a base di deiezioni bovine è stato costruito utilizzando anche residui di lavorazione del formaggio pecorino, aceto balsamico, residui di lavorazione delle olive. «Il nostro progetto - ha detto Daniela Ducato, ideatrice della realizzazione- pur essendo, rivolta alla edilizia, non contiene alcun elemento, che provenga dalla petrolchimica, ma cerchiamo di utilizzare buona parte di quegli scarti che spesso sono difficili da smaltire». Le deiezioni bovine provengono dall'allevamento di Marco Asara di Olbia, un operatore che dalle sue mucche di razza Limousine super selezionate ricava, intanto una carne che fa la felicità dei gourmet, morbida, succosa, dal sapore inimitabile. Il segreto sta intanto nella alimentazione, a base di erba fresca, e poi nell'ambiente in cui crescono gli animali, dove la parola stress non esiste. Chi avesse dei dubbi può provare il filetto o la tartare. Un'altra idea innovativa, presentata ieri, è un fornetto a energia solare dove Monica Saba di Arbus, termizza il latte e completa tutto il procedimento che le consente di produrre dei formaggi, tra i quali uno a base di latte di capra che poi tratta in superficie con il riso ed erbe mediterranee. Ecco anche un delizioso formaggio senza lattosio prodotto da un allevatore di Fonni (ma con azienda nell'oristanese): su Graviolu. Ecco il primo vino subacqueo sardo. Si tratta della Malvasia Silattari, fatta affinare dentro una grotta nel mare di Bosa. «Il primo anno, nel 2008 - ha detto Giovanni Porcu - ce l'hanno rubata. Ora chi vuole la nostra Malvasia deve andare al Diving Center di Bosa prendere pinne e maschera e portarla in superficie, dopo averla pagata. Innovativo anche un prodotto della 3A di Arborea, l'Ace a base di siero di latte e vitamine. Riccardo Porta ha presentato gli amaretti integrali; Giovanni Barbina per la cooperativa Acanhuscoop, il substrato ottenuto dalle foglie di palma e dai residui degli oleifici e Giampiero Meloni per l'Aras ha presentato il prototipo di un innovativo strumento che consentirà di diagnosticare in modo molto più veloce e meno invasivo, la mastite subclinica negli ovini tramite la misura della conducibilità elettrica.

 

Presentazione dell'Azienda (in PDF) 

 

FONTE: La Nuova Sardegna - http://www.lanuovasardegna.it/regione/2015/09/12/news/pareti-di-carciofi-e-tinte-agli-agrumi-1.12083020 

 

share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube
item hits
Letto 63 volte
Ultima modifica il
Lunedì, 10 Luglio 2017 09:06
Altro in questa categoria: « La fattoria

commenti

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.